J70 in archivio a Malcesine

Si chiude con una regata disputata in condizioni di Peler leggero la prima frazione del circuito J/70 Cup 2020, che nel corso del weekend ha richiamato sulla linea di partenza della Fraglia Vela Malcesine 28 imbarcazioni in rappresentanza di nove nazioni.

La regata odierna, ottava e ultima della serie, è stata determinante ai fini degli equilibri del ranking, al vertice del quale, con una prova di anticipo, si era già imposto ieri Mauro Roversi con la sua J-Curve. Si conferma medaglia d’argento Notaro Team di Luca Domenici e, grazie anche alla solida prestazione di oggi, conquista il bronzo di questa prima frazione Alessandro Molla a bordo di Viva.

Federico Strocchi con la sua Cheyenne risale al quarto posto della classifica generale, seguito da Calypso di James Peters. “J of the Day” è l’esordiente Patakin di Luis Albert, che oltre al bullet odierno aveva già messo a segno una vittoria nell’ultima regata di ieri. L’equipaggio Spagnolo, le cui scelte tattiche sono affidate all’olimpionico Portoghese Afonso Domingo, new entry nella Classe J/70, ha già gettato le basi per brillare in una stagione che si preannuncia competitiva.

Nella divisione Corinthian, Junda – Banca del Sempione di Ludovico Fassitelli si conferma medaglia d’oro, seguito dai già Campioni del Mondo Corinthian 2017 su White Hawk di Gianfranco Noè, secondi, e dai Campioni Europei 2018 su La Femme Terrible di Paolo Tomsic, terzi.

Luca Domenici, miglior barca nella giornata di sabato, è anche vincitore della Garmin Cup e nel corso della cerimonia di premiazione è stato premiato con un dispositivo satellitare Garmin InReach.

Da ‘La Gazzetta dello Sport’ del 7 settembre 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *